Lettera alla popolazione

Riportiamo il testo integrale della lettera che la Fratellanza Popolare di Caldine sta inviando a tutta la popolazione della Valle del Mugnone.

“Un tempo, la sede della Fratellanza Popolare era in via Faentina, aveva una sirena situata nei pressi della Sede.
In caso di bisogno, quella sirena suonava e in tanti si precipitavano in associazione per il servizio d’ambulanza, poteva capitare che il meccanico o magari il parrucchiere, oppure, il primo volontario che si trovava nei pressi, lasciasse la sua occupazione per svolgere il servizio richiesto.

Quella era una forma di solidarietà primitiva ma funzionale. Per tanti anni è stato il segno distintivo della nostra Associazione, nata tra i caldinesi, nel 1965 per venire incontro alle necessità dei concittadini dell’intera Valle del Mugnone.
Quegli anni sono passati, ma la Fratellanza Popolare è rimasta nel cuore della nostra frazione, più grande e orgogliosamente più bella di prima.

L’Associazione da qualche anno si è strutturata in maniera più organizzata, avendo ampliato altri settori per il sostegno alla popolazione locale e non solo, continuando a fornire, nei limiti del possibile, il fabbisogno giornaliero.

Oggi le esigenze sono aumentate, di pari passo con la crescita dei servizi e l’invecchiamento della popolazione. Purtroppo, però, stiamo vivendo un fenomeno di regressione sulla partecipazione del volontariato. Comunque, con grande sforzo e sacrificio riusciamo a fornire un aiuto importante per l’attività sociale e sanitaria. Uno sforzo importante che richiede impegno e soprattutto partecipazione. La partecipazione di tutti coloro che vogliono aiutarci ad aiutare, regalando un po’ del loro tempo per continuare a soddisfare i bisogni della collettività.

Molti di voi sono nostri soci, hanno scelto di essere parte di una forza popolare e ci sostengono. A questi benefattori va tutto il nostro riconoscimento. Ora, però, chiediamo di più. Chiediamo ai Soci e a Coloro che condividono le nostre idee di partecipare maggiormente alla vita della nostra Associazione, chiediamo, cioè, la partecipazione come volontario nelle attività che svolgiamo, ovvero, nei servizi sociali, nel front office degli ambulatori, nell’accompagnamento sociale e servizi alla persona, nella protezione civile, nel soccorso sanitario, oltre alla gestione dell’organizzazione logistica e amministrativa, nonchè, nella gestione di centralini telefonici.

Per tutti questi motivi oggi l’Associazione deve prendere una decisione importante. Siamo ad un bivio. La scelta è se continuare a svolgere tutti i servizi che ci vengono richiesti o se rinunciare e/o limitare l’attività sociale e sanitaria con una ricaduta negativa su tutta la popolazione, cosa che ci procurerebbe grande disagio e frustrazione.

Sul nostro sito www.caldinesoccorso.it ci sono i moduli da scaricare l’adesione.
Per contatti email: segreteria@caldinesoccorso.it, direttore@caldinesoccorso.it; il numero di telefono 055-549166 se hai dubbi chiamaci.

Con l’occasione, ti invitiamo Sabato 1 Dicembre presso la nostra sede in occasione dell’Open Day, dove potrai toccare con mano il mondo del volontariato attivo.

Ti aspettiamo in sede

Il Presidente
Fabrizio Ulivieri