Coronavirus: la lettera del Presidente ai Volontari

Riportiamo la lettera inviata dal Presidente della Fratellanza Popolare di Caldine, Fabrizio Ulivieri, ai Volontari.

La Delta 33 della Fratellanza Popolare di Caldine all’interno della camera calda di Careggi.

“Ciao un grande saluto a tutti.
Sono passati ormai già alcuni giorni dall’entrata in vigore delle norme di attenzione e restrittive individuate per combattere il coronavirus e la situazione a carattere generale la conoscete tutti, in quanto, ne danno ampia notizia tutti gli organi di informazione.

Girano però anche tante false notizie che, spero, persone come noi abituate alle emergenze ed al pronto intervento, siano in grado di riconoscerle ed eventualmente, se necessario, non ci mancano le fonti di informazione sicure a cui possiamo attingere.

Ma veniamo alla Nostra Fratellanza Popolare, la quale, ovviamente, si è adeguata alle indicazioni di prevenzione sospendendo tutte quelle attività e servizi che potevamo sospendere ed adeguando i locali come indicato dal decreto ministeriale.

L’unica attività che non abbiamo sospeso e non possiamo sospendere è ovviamente il servizio di emergenza Delta 118.

La Nostra Delta 33, perfettamente attrezzata, come richiesto, e rispettosa delle procedure indicate dal sistema sanitario e dal 118 sta operando, anche se con estrema difficoltà, soprattutto, grazie al personale che si dedica giornalmente a questo servizio.

Dobbiamo essere coscienti, che il servizio che offriamo, è estremamente essenziale NON SOLO A CHI E’ CONTAGIATO DA VIRUS, ma soprattutto, a tutti quei nostri concittadini che si trovano nella necessità di interventi urgenti di assistenza per altre patologie e per incidenti di vario tipo, che come sempre sono la maggioranza.

Abbiamo notato che un numero abbastanza consistente, compresi gli addetti in servizio civile, hanno sospeso la loro attività giustificandosi con motivi variegati ma fondamentalmente per paura del contagio Coronavirus.

Tutto ciò è comprensibile ma a seguito di questo abbiamo dovuto dare lo stato di inoperatività già per alcuni turni nonostante il prodigarsi nell’effettuare turni straordinari da parte dei nostri dipendenti, ma solo con loro è impossibile operare e questo va a danno di tutti i NOSTRI CONCITTADINI. E CONGIUNTI.

Le nostre unità di soccorso sono perfettamente attrezzate e dotate di tutti i dispositivi necessari all’autoprotezione senza esasperazioni anche acquistando a carico dell’associazione i dispositivi necessari in quanto la ASL non è in grado di soddisfare le richieste.

La Fratellanza Popolare di Caldine ad oggi non ha avuto nessun contagio di volontari o dipendenti anche se casi di contagiati sono stati trattati.
Noi facciamo parte di quell’esercito di popolo sanitario, uniti agli infermieri e medici che si prodigano senza risparmiarsi, per il bene di tutti noi.

Non lasciamo solo il personale degli ospedali ed i professionisti del 118 i quali in questo periodo sono molto stressati ed al limite delle forze.”

FORZA RAGAZZI, USCIREMO DA QUESTA SITUAZIONE E POI BRINDEREMO INSIEME ALLA VITTORIA SU QUESTO MALEDETTO VIRUS
C O M B A T T I A M O L O  INSIEME

Fabrizio Ulivieri